Dimenticare

Dimendicare

Approfondimenti

La corretta grafia di questo verbo è DIMENTICARE e non dimendicare.


Ambiente

Anbiente

Approfondimenti

"AMBIENTE" si scrive con la M. Una delle regole fondamentali della grammatica italiana prevede che le consonanti labiali “b” e “p” siano sempre precedute dalla lettera “m“.


Se

Approfondimenti

Il pronome si scrive con l'accento acuto (), non grave; la grafia è quindi errata, così come la grafia senza alcun accento se, che corrisponde alla congiunzione con valore ipotetico.


Qua

Quà

Approfondimenti


Qui

Quì

Approfondimenti


Più

Piu

Approfondimenti


Venerdì

Venerdi

Approfondimenti

Tutti i nomi della settimana terminanti con "-dì" si scrivono con l'accento sulla ì. Perché? Questi nomi sono composti da(=giorno) e derivano da forme composte latine che sono univerbate nella lingua italiana.

Venerdì viene da Veneris die(m) (=giorno di Venere).


Giovedì

Giovedi

Approfondimenti

Tutti i nomi della settimana terminanti con "-dì" si scrivono con l'accento sulla ì. Perché? Questi nomi sono composti da(=giorno) e derivano da forme composte latine che sono univerbate nella lingua italiana.

Giovedì viene da Iovis die(m) (=giorno di Giove).


Mercoledì

Mercoledi

Approfondimenti

Tutti i nomi della settimana terminanti con "-dì" si scrivono con l'accento sulla ì. Perché? Questi nomi sono composti da(=giorno) e derivano da forme composte latine che sono univerbate nella lingua italiana.

Mercoledì viene da Mercurii die(m) (=giorno di Mercurio).


Martedì

Martedi

Approfondimenti

Tutti i nomi della settimana terminanti con "-dì" si scrivono con l'accento sulla ì. Perché? Questi nomi sono composti da(=giorno) e derivano da forme composte latine che sono univerbate nella lingua italiana.

Martedì viene da Martis die(m) (=giorno di Marte).


Lunedì

Lunedi

Approfondimenti

Tutti i nomi della settimana terminanti con "-dì" si scrivono con l'accento sulla ì. Perché? Questi nomi sono composti da(=giorno) e derivano da forme composte latine che sono univerbate nella lingua italiana.

Lunedì viene da lunae die(m) (=giorno della Luna).


Li

Approfondimenti


Va'

Va

Approfondimenti

Per scrivere l'imperativo del verbo andare la forma corretta è VA', con l'apostrofo. Va' è l'imperativo presente (seconda persona singolare) del verbo andare. Per la seconda persona singolare dell'imperativo è ammessa anche la forma "VAI".

Es.: Va' (o Vai) di corsa a casa.

è una forma sbagliata, così come va; quest'ultima è la terza persona singolare dell'indicativo presente del verbo andare (vd. la spiegazione al link http://comesiscrive.it/dubbi/va-o-va-indicativo-presente/)


Cioè

Cioé

Cioe

Approfondimenti


Società

Socetà

Approfondimenti


Igienico

Igenico

Approfondimenti


Imperdonabile

Inperdonabile

Approfondimenti

Una delle regole fondamentali della grammatica italiana prevede che le consonanti labiali “b” e “p” siano sempre precedute dalla consonante m. Si deve quindi scrivere "imperdonabile".


Amfetamina

Anfetamina

Approfondimenti

L' alfa-metilfeniletilammina è un farmaco con proprietà anoressizzanti e psicostimolanti. Il modo migliore per scriverlo è amfetamina, anche se anfetamina è comunque accettato.


Subodorare

Subdorare

Approfondimenti

La corretta grafia di questo verbo, che significa "presentire, avere sentore di, intuire", è SUBODORARE". Il verbo deriva dal latino sub (=sotto) + odorare (= sentire l'odore, fiutare). Dal significato letterale di "odorare leggermente", si è diffuso il signifcato figurato di "presentire, avere il sentore di una cosa che sta per accadere o che è già accaduta".

Sconsigliamo l'utilizzo della grafia "subdorare" che, sebbene sia ancora attestata, è indubbiamente meno diffusa nell'italiano contemporaneo e non figura neppure in alcuni vocabolari.


Si è

S'è

Approfondimenti

Entrambe le grafie sono corrette. Il "SI" è la forma atona del pronome riflessivo di terza persona, singolare e plurale; serve alla coniugazione dei verbi riflessivi e alla coniugazione pronominale. Se si unisce al verbo essere "è", la "i" si può elidere, dando così origine alla grafia "s'è".

Esempio: Si è (s’è) dimenticato di chiamare per prendere l'appuntamento.

Per gusto personale, preferiamo la grafia estesa "si è".


Scarica l'APP di Come si scrive?