Forfettario

Forfetario

Approfondimenti

Si possono scrivere entrambe le forme: forfettario e forfetario

L'aggettivo deriva dal sostantivo francese forfait, da cui, a sua volta, ha origine l'aggettivo francese forfaitaire, italianizzato in forfaitario, forma ormai in disuso e modificatasi in forfetario per adattamento della grafia all'effettiva pronuncia.

Alcuni preferiscono la forma forfetario, con una sola t, perché più vicina all’origine francese del sostantivo forfait.

Altri, invece, raddoppiano fonosintatticamente la t e scrivono forfettario.

Riflettendoci, anche l'unione tra il sostantivo inglese chat e il suffisso verbale italiano -are ha dato vita al verbo chattare, che si scrive con 2 t (chatare è errato).


Sensazione

Senzazione

Approfondimenti

Si scrive SENSAZIONE, con la S.

Senzazione, con la z, è del tutto errato. Eppure, con nostra meraviglia, abbiamo riscontrato numerose attestazioni di questa forma (sbagliata) nel mondo del web.


Appieno

A pieno

Approfondimenti

Le due varianti sono entrambe corrette, ma oggi è più diffusa la forma univerbata APPIENO.

Appieno è una locuzione avverbiale con il significato di "completamente, pienamente, del tutto".

Es: Approvo appieno la tua decisione.


Finora

Fin'ora

Fin ora

Approfondimenti

Nell'italiano contemporaneo si scrive FINORA, con univerbazione.

La grafia Fin'ora è del tutto errata, poichè siamo in presenza di un TRONCAMENTO che, come sappiamo, non vuole l'apostrofo (come qual è, buon anno, ecc..).

La grafia fin ora, senza apostrofo, rispetta le regole grammaticali dell'italiano, ma è ormai antiquata e scarsamente diffusa. Più comune è la variante "fino a(d) ora".


In fin dei conti

Infin dei conti

Approfondimenti

Si scrive "in fin dei conti", non infin dei conti.

"In fin dei conti" è una locuzione avverbiale con il significato di "alla fin fine, in fondo, in definitiva, tutto sommato".

Es.: In fin dei conti, non è poi così terribile!


Evacuazione

Evaquazione

Approfondimenti

Il verbo evacuare e il sostantivo evacuazione si scrivono con la C, così come i verbi acuire, arcuare, circuire e i loro derivati. Questi verbi derivano dal latino praticamente inalterati (eccetto acuire da acuĕre).

Dunque, si scrivono con la C anche arcuato, circuìto, circùito, circuizione, evacuato, evacuatore, evacuazione ecc...


Innocuo

Innoquo

Approfondimenti

Innocuo, come evacuare (http://comesiscrive.it/dubbi/evacuazione-evacuare-o-evaquazione-evaquare/), si scrive con la C, non con la Q.

Si scrivono con -CUO (NON -QUO) anche:

  • cuoco, cuocere e scuocere;
  • scuola autoscuola e doposcuola ;
  • cuore, batticuore, crepacuore, rincuorare,
  • cuoio e cuoiaio;
  • ecuadoriano;
  • scuotere, percuotere e riscuotere;
  • proficuo;
  • vacuo;
  • cospicuo;
  • promiscuo.

Preziosa

Prezziosa

Approfondimenti

L'aggettivo PREZIOSO si scrive con una sola Z. Prezzioso con due Z è un grave errore grammaticale (ed è pure scomodo da pronunciare)!

Prezioso deriva dal latino pretiosus, che vuol dire "costoso, di gran prezzo".


Chiacchierare

Chiaccherare

Approfondimenti

Si scrive CHIACCHIERARE con la I o CHIACCHERARE senza la I?

Quanti problemi ci crea la presenza di questa I??? Sono tanti i quesiti su quest'argomento che abbiamo già trattato (Efficiente o efficente? Sufficiente o Sufficente? Deficiente o Deficente? Onnisciente o Onniscente? Soddisfacente o soddisfaciente?...); questo dimostra che la I per noi rappresenta un problema ricorrente.

Tornando al nostro quesito, si scrive CHIACCHIERARE, con la I (lo stesso vale per CHIACCHIERE). La forma senza I è del tutto errata!

Provate a scrivere "chiaccherare" in un documento Word o OpenOffice; il correttore automatico ve lo sottolinea subito come forma errata.

Ma allora come mai molte persone scrivono CHIACCHERARE??? Parlando velocemente, la ‘i’ viene sovente "annullata" dalle altre lettere. Provate a ripetere questa parola ad alta voce: se lo fate in fretta e senza prestare attenzione, è probabile che suoni come chiaccherare, non come chiacchierare. Di conseguenza, spesso, si è presa l’erronea abitudine di trascrivere il verbo senza la ‘i’ anche nella forma scritta.


Sennonché

Se non che

Senonché

Approfondimenti

Questione aperta su cui i pareri non sono unanimi. Se non che (o Senonché o Sennonché) è una congiunzione con valore:

  • avversativo: equivale a "ma, però".  Es.: Sarei venuta alla tua festa, sennonché mi sono ammalata;
  • eccettuativo: equivale a "fuorché, tranne che, salvo il fatto che".  Es.: Non ti dico altro se non che è necessario che tu studi".

Vi è chi ritiene che si debba scrivere sennonché quando la congiunzione ha valore avversativo; la grafia separata se non che o quella univerbata con una N, senonché, sarebbero preferibili nei casi in cui la congiunzione ha valore eccettuativo.

I linguisti e i vocabolari non sono concordi sulla questione e, dunque, non vi sono regole definite per risolvere tale problema.

Gli studiosi si dividono su un' altra questione, relativa alla grafia univerbata senonché. Ebbene, questa congiunzione è un'univerbazione di se non che; poiché spesso dopo il "se" avviene il raddoppiamento fonosintattico (ad esempio se no può diventare sennò, ma non senò; abbiamo inoltre sebbene, seppure, ecc..), alcuni grammatici ritengono che si dovrebbe scrivere sennonché e considerano errata la forma senonché.

 Tuttavia recenti dizionari registrano ambedue le forme. Lo scrittore Dino Buzzati usa sovente la grafia senonché.

"Senonché in mezzo a questi pensieri, udì battere a una porta" (D. Buzzati, "Racconto di Natale")

Concludendo, nessuna delle tre grafie può considerarsi errata!


Nullaosta

Nulla osta

Approfondimenti

Nulla osta (o nullaosta) si può scrivere sia separato, che attaccato. E' un nome maschile invariabile.

Cos'è il nulla osta? E' una dichiarazione scritta con cui la competente autorità amministrativa rilascia, a chi l'ha richiesto, il permesso o di emanare un provvedimento o di intraprendere una data attività, avendo attestato l’inesistenza di contrarietà o impedimenti allo svolgimento di ciò l'interessato chiede di poter fare.

Questo nome è composto da "nulla" e "osta", terza pers. sing. del pres. indic. del verbo ostare, che significa "essere d'impedimento"; nulla osta significa, quindi, "nulla è d'impedimento".

Questo nome deriva dal latino nihil obstat, locuzione che, tradotta letteralmente, significa "niente si oppone". Il verbo latino obstare, a sua volta, è composto dal verbo stare e dalla preposizione ob, che significa "davanti a"; dunque obstare = stare davanti a.


Sopralluogo

Sopraluogo

Approfondimenti

Vi è mai capitato di chiedervi: "si scrive sopraluogo o sopralluogo?", con una o due L? Esiste una regola della grammatica italiana che vi permetterà di ottenere una risposta definitiva a questa domanda e a domande simili. La preposizione "sopra", usata come prefisso per la formazione di parole composte, causa il raddoppiamento della consonante iniziale della parola successiva: soprammobile, sopracciglio, sopravvivere, sopraffare, sopraffino, sopraggiungere, soprattutto, soprannome e, come in questo caso, sopralluogo, che si scrive con 2 L.

Scrivere sopraluogo, con una sola L, è un errore, anche abbastanza grave.

Cosa vuol dire sopralluogo? Secondo il dizionario della lingua italiana il suo significato è: fare un'ispezione, fare un'indagine.

Ecco alcune frasi con sapralluogo, che vi aiuteranno a comprenderne meglio il significato e il contesto ideale in cui utilizzarlo:

  • In mattinata c'è già stato un primo sopralluogo dei Carabinieri. Sul posto anche i Vigili del Fuoco per accertare le dinamiche di quanto è accaduto.
  • I Carabinieri del Nas, in collaborazione con l'azienda sanitaria, hanno effettuato un primo sopralluogo nel ristorante.

Qual è il plurale di sopralluogo? Il suo plurale è sopralluoghi.

Per completezza, vi forniamo alcune frasi con sapralluoghi:

  • Ciò consentirà nella giornata di domani, di procedere con i primi sopralluoghi presso le abitazioni e i locali commerciali.
  • Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti domani sarà in Sicilia per alcuni sopralluoghi.
  • Avviati i sopralluoghi per l'installazione di nuove tecnologie di difesa dagli incendi.

Non dovreste avere più dubbi di questo genere ma, qualora vogliate saperne di più, vi forniamo le spiegazioni per quesiti molto simili a quello appena analizzato:


Progetto

Proggetto

Approfondimenti

Si scrive PROGETTO, con una G. Proggetto è un grave errore grammaticale!


Correggere

Coreggere

Corregere

Approfondimenti

Per scrivere "correggere" in maniera corretta bisogna raddoppiare sia la R che la G.

Dunque, se scrivevate coreggere o corregere, correggetevi!!

A proposito di "correggere", è celebre e impressa nella nostra memoria la frase pronunciata al mondo da Papa Giovanni Paolo II, il giorno della sua elezione, dal balcone di Piazza San Pietro "Se mi sbaglio, mi corrigerete".